NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Cookie Policy

La presente Cookie Policy è relativa al sito CalcitValdarnoFiorentino.it gestito e operato da C.A.L.C.I.T. Valdarno Fiorentino o.n.l.u.s. - Piazza XXV Aprile - 50063 Figline e Incisa Vladarno (FI) - Tel/Fax 055.95.21.130 - info@calcitvaldarnofiorentino.it.

I cookies sono piccoli file di testo inviati all'utente dal sito web visitato. Vengono memorizzati sull’hard disk del computer, consentendo in questo modo al sito web di riconoscere gli utenti e memorizzare determinate informazioni su di loro, al fine di permettere o migliorare il servizio offerto.

Esistono diverse tipologie di cookies. Alcuni sono necessari per poter navigare sul Sito, altri hanno scopi diversi come garantire la sicurezza interna, amministrare il sistema, effettuare analisi statistiche, comprendere quali sono le sezioni del Sito che interessano maggiormente gli utenti o offrire una visita personalizzata del Sito.

Il Sito utilizza cookies tecnici e non di profilazione. Quanto precede si riferisce sia al computer dell’utente sia ad ogni altro dispositivo che l'utente può utilizzare per connettersi al Sito.

Leggi tutto...

Un biscotto che stuzzica il palato, salutare e nutriente, croccante e friabile, un biscotto che fa riscoprire i sapori di una volta.

I dolci sono qualcosa che ci coccolano, così come le “Carezze”, il nuovo progetto del Calcit Valdarno Fiorentino, pensato e realizzato in collaborazione con la dott.ssa Manuela Romano (medico nutrizionista del reparto di oncologia di AUSL Toscana Centro) e alla Pasticceria Fabbrini di Figline Valdarno.

L’idea è nata per comunicare l’importanza di un’alimentazione equilibrata, dove i cibi dolci non siano demonizzati, ma siano inseriti in modo bilanciato all’interno di una dieta sana e responsabile.

Come ha spiegato la dott.ssa Romano - durante l’incontro di sabato 17 ottobre tenutosi a Palazzo Pretorio di Figline Valdarno, all’interno del ciclo di eventi “Aspettando Autumnia” - il cibo è indispensabile da un punto di vista fisico, permette la crescita e il mantenimento di un benessere corporeo.

L’alimentazione può influenzare l’insorgere di determinate malattie, per questo gli ingredienti scelti del biscotto apportano importanti benefici per la nostra salute, come la farina di grano saraceno: un cereale senza glutine, adatto per tutti, compresi celiaci e intolleranti, a basso indice glicemico, ricca di proteine, vitamine, sali minerali, calcio e potassio, così come la farina di carrube, un’altra farina di ottima qualità, con un sentore di cioccolato, un alimento antico voluto per riscoprire quei prodotti della natura che non si usano più nella cucina quotidiana.

Prevengono le malattie cardiovascolari e i tumori gli antiossidanti contenuti nelle mandorle, frutta a guscio ricca di magnesio e omega 3, ma anche i semi di lino, indicati perché pieni di fibre che favoriscono le funzioni intestinali e insieme all’insulina vanno a nutrire la flora batterica intestinale.

Il tutto accompagnato dalla dolcezza naturale della stevia e dalla bontà del cioccolato fondente. Un biscotto ideale per iniziare bene la giornata e per gratificarsi durante il giorno.

L’apporto nutritivo e la composizione di “Carezze” è stato ideato anche per poter essere consumato dai pazienti oncologici, che si sa, più di tutti hanno bisogno di conforto e carezze.

“Carezze” è l’emblema dell’unione e della condivisione tra i tanti volontari che sono l’anima e la linfa vitale dell’associazione, che danno un grande aiuto, un contributo fondamentale. Questa unione viene rievocata dalla particolare forma del biscotto: tre cerchi che si intersecano. Gli stessi tre anelli riportati nello stemma dei Medici per ricordare le imprese compiute da Cosimo, Piero e Lorenzo il Magnifico. “Una scelta non casuale - riferisce la storica dell’arte e moderatrice della presentazione, Daniela Matteini - insieme al designer Tommaso Mazzoni, abbiamo progettato una forma che nell’aspetto potesse riportare alla storia del nostro territorio, rimarcando così la nostra appartenenza ad esso. Un legame simbolico con il Calcit Valdarno Fiorentino e con la comunità di riferimento.”

A conclusione dell’evento, sono state consegnate ai partecipanti due versioni del biscotto, ora tocca al pubblico decretare quello più gustoso, che sarà in seguito prodotto, promosso nelle prossime manifestazioni e commercializzato, i cui ricavi andranno a supportare le iniziative dell’onlus e i medici e il personale sanitario del Serristori. Come dichiara Mario Bonaccini, vice presidente del Calcit Valdarno Fiorentino: “Abbiamo fortemente voluto un prodotto artigianale che rappresenti il territorio e che faccia bene alla salute. Mi auguro che sia un biscotto che possa aiutare il Calcit che si adopera tanto per aiutare chi soffre, un biscotto condiviso dalla comunità.”

Per qualsiasi informazione:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

+39 055 952130

Matteo Pelli

Responsabile comunicazione digitale

Calcit Valdarno Fiorentino (Onlus)

VOLONTARIATO

Vuoi dare una mano?
Come si fa a diventare volontari del C.A.L.C.I.T. ?

DONAZIONI

Come si fa a donare al C.A.L.C.I.T. ?
Tutto sulle donazioni, dal versamento in contanti al 5perMille.

LA VOCE DEL CALCIT

Sfoglia il nostro periodico annuale.
Un riepilogo di attività, incontri, donazioni e tanti Ringraziamenti.