NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Cookie Policy

La presente Cookie Policy è relativa al sito CalcitValdarnoFiorentino.it gestito e operato da C.A.L.C.I.T. Valdarno Fiorentino o.n.l.u.s. - Piazza XXV Aprile - 50063 Figline e Incisa Vladarno (FI) - Tel/Fax 055.95.21.130 - info@calcitvaldarnofiorentino.it.

I cookies sono piccoli file di testo inviati all'utente dal sito web visitato. Vengono memorizzati sull’hard disk del computer, consentendo in questo modo al sito web di riconoscere gli utenti e memorizzare determinate informazioni su di loro, al fine di permettere o migliorare il servizio offerto.

Esistono diverse tipologie di cookies. Alcuni sono necessari per poter navigare sul Sito, altri hanno scopi diversi come garantire la sicurezza interna, amministrare il sistema, effettuare analisi statistiche, comprendere quali sono le sezioni del Sito che interessano maggiormente gli utenti o offrire una visita personalizzata del Sito.

Il Sito utilizza cookies tecnici e non di profilazione. Quanto precede si riferisce sia al computer dell’utente sia ad ogni altro dispositivo che l'utente può utilizzare per connettersi al Sito.

Leggi tutto...

 Un assegno dal fondo di solidarietà per supportare le attività dell’associazione

Restituire alla comunità quello che è stato donato durante la lotta per il salvataggio dei posti di lavoro dell’ex Bekaert di Figline Valdarno.
Su questa basi prende campo la volontà dell’Unione Italiana Lavoratori Metalmeccanici sezione Firenze e Arezzo di sostenere le iniziative del Calcit Valdarno Fiorentino.
Alla cerimonia di consegna del contributo hanno partecipato i rappresentati del sindacato e dell’associazione valdarnese.
Il segretario UILM Firenze e Arezzo, Davide Materazzi, ha espresso parole di stima nei confronti dell’operato del Calcit: “Con questa donazione abbiamo messo insieme due realtà che sul territorio sono molto conosciute e amate. Da una parte un’azienda storica che purtroppo la Bekaert ha deciso di chiudere e dall’altra un gruppo che sta facendo un ottimo lavoro
nell’assistenza ai malati oncologici e alle loro famiglie. Siamo certi che queste risorse saranno ben utilizzate e restituite al territorio. Ci auguriamo che possano servire per la buona riuscita di altri progetti.”
Materazzi conclude il suo intervento facendo un appunto sulla situazione attuale degli ex operai Bekaert: “Non siamo riusciti a mantenere vivo lo stabilimento e quindi, come ben sappiamo, i lavoratori purtroppo sono stati licenziati, ma con le istituzioni il nostro rapporto non si è mai interrotto. Ci sono dei dialoghi aperti con Confindustria Firenze per trovare dei collegamenti con qualche azienda che abbia la necessità di assumere. L’intento è che queste imprese possano attingere dal bacino dei lavoratori ex Bekaert. Come UILM non ci dimentichiamo che ci sono ancora operai in attesa di ricollocazione. Chiediamo alle istituzioni un ulteriore sforzo per far sì che queste persone possano tornare a lavorare.”
Dello stesso avviso, Giuliano Poggialini, ex delegato UILM Bekaert: “Vorrei ringraziare il Calcit Valdarno Fiorentino per avere organizzato questo momento d’incontro. Tutte le iniziative messe da noi in campo non sono riuscite a finalizzare in meglio la nostra vertenza, quindi per la parte dei soldi rimanenti che erano all’interno del fondo abbiamo individuato il Calcit come beneficiario, che sappiamo essere storicamente vicino alla cittadinanza. Siamo felici di aver fatto questa donazione perché sentivamo il bisogno di restituire alla gente quello che ci aveva dato in passato”.
La gratitudine viene espressa dalle parole di Mario Bonaccini, vice presidente del Calcit Valdarno Fiorentino: “Gli amici della UILM hanno voluto donare al Calcit un assegno molto importante. Un assegno che ci aiuterà ad andare avanti nella nostra lotta. Noi come loro siamo paladini della Costituzione. Loro per il diritto al lavoro, noi per il diritto alla salute. Noi da qualche tempo oltre a curare il DH oncologico del Serristori, ci siamo fatti paladini della salute per garantire la ripresa del presidio ospedaliero figlinese. Abbiamo l’intenzione di utilizzare questi fondi per assicurare, ancora una volta, attrezzature e personale medico al Serristori, qualora ce ne fosse la necessità, con l’auspicio che possa tornare all’operatività pre-Covid. Ma non solo, cercheremo di utilizzare questo contributo anche per altre nostre attività. Specialmente una, pensata nell’ultimo periodo considerando anche l’immobilismo dell’ASL Toscana Centro per la ripartenza del nosocomio figlinese. Stiamo pensando di aprire in zona un nostro ambulatorio per garantire a tutti il diritto alla salute, sicuramente questi soldi serviranno per attrezzare al meglio la struttura”.

VOLONTARIATO

Vuoi dare una mano?
Come si fa a diventare volontari del C.A.L.C.I.T. ?

DONAZIONI

Come si fa a donare al C.A.L.C.I.T. ?
Tutto sulle donazioni, dal versamento in contanti al 5perMille.

LA VOCE DEL CALCIT

Sfoglia il nostro periodico annuale.
Un riepilogo di attività, incontri, donazioni e tanti Ringraziamenti.